Termini e condizioni supplementari di Arbor Cloud

I presenti termini e condizioni supplementari di Arbor Cloud (“Termini supplementari”) completano i termini dell'accordo di licenza e di servizio (l'“Accordo”) e ne sono parte integrante. Insieme, l'Accordo e questi Termini supplementari regolano il tuo (“Utente finale”) uso dei servizi di Arbor Cloud. In caso di divergenza tra l'Accordo e i presenti Termini supplementari, saranno questi ultimi a disciplinare i servizi Arbor Cloud. I termini con iniziale maiuscola non altrimenti definiti in questi Termini supplementari avranno il significato attribuito loro nell'Accordo. 

  1. DEFINIZIONI DEL SERVIZIO

Le seguenti definizioni si applicano ai termini con iniziale maiuscola qui utilizzati.

1.1 Il prefisso “/24 ” indica un blocco di duecentocinquantaquattro (254) indirizzi IP continui.

1.2 “Piattaforma Arbor Cloud” indica la rete a cui deve essere diretto il traffico basato su Internet per un endpoint al fine di consentire l'esecuzione dei Servizi Arbor Cloud.

1.3 “Servizi Arbor Cloud” indicano i servizi cloud a richiesta, attivati dall’Utente finale che “puliscono” o “eliminano” specifici tentativi di attacco intenzionali via internet dal flusso di dati che circola su Internet diretti all’endpoint dell’Utente finale e, se del caso, eventuali servizi supplementari stabiliti nel Modulo d’ordine.

1.4 Per “Attacco” o “Episodio di attacco” si intende un evento in cui il traffico dannoso (ad esempio DDoS) è diretto a un endpoint che si trova sulla Piattaforma Arbor Cloud. La valutazione del traffico dati per stabilire se si tratta di traffico per un Attacco sarà effettuata unicamente da Arbor.

1.5 Per “PUA” si intende la politica di utilizzo accettabile descritta al punto 3.11.

1.6Per “BGP” si intende il protocollo di instradamento inter-dominio (Border Gateway Protocol).

1.7 Per “Modifica” si intendono le variazioni alle impostazioni principali del servizio (ad esempio, la modifica delle sottoreti monitorate, i tunnel GRE e la modifica degli hostname DNS). Le configurazioni dell'attenuazione, le contromisure e le black/white list non vengono considerate come Modifiche nel determinare la Tariffa per Aggiornamenti standard o la tariffa di aggiornamento di emergenza, in base a quanto descritto al punto 5.2.

1.8 Per “Traffico pulito” si intende il picco del 95° percentile in Mbps del traffico Internet legittimo dell'Utente finale in entrata o in uscita dalla Piattaforma Arbor Cloud verso un endpoint, che viene elaborato dal Servizio Arbor Cloud in base a un Episodio di attenuazione.

1.9 Per “Contenuto” si intende quanto indicato nel punto 6.2.

1.10 Per “DNS” si intende il Domain Name System (sistema di nomi di dominio).

1.11 Per “Endpoint”, utilizzato nel presente documento, si intende quella parte dell’infrastruttura di un Utente finale protetta dai servizi Arbor Cloud e per la quale l’Utente finale o Arbor ha attivato i Servizi Arbor Cloud indirizzando il traffico verso l’Endpoint sulla Piattaforma Arbor Cloud.

1.12 Per “Episodio” si intende un episodio in cui l’Utente finale ha diretto il traffico basato su Internet per un endpoint alla Piattaforma Arbor Cloud e include sia gli Episodi di attacco che gli Episodi che non riguardano gli attacchi.

1.13 Per “Posizione”, solo per i clienti BGP, si intende l’endpoint del router di terminazione dei tunnel GRE (Generic Routing Encapsulation) collegati alla Piattaforma Arbor Cloud.

1.14 Per “Episodio di attenuazione” si intende (a) l’episodio che inizia quando Arbor annuncia i prefissi /24 richiesti fuori dalla Piattaforma Arbor Cloud e cessa quando l’Utente finale contatta Arbor conformemente alle politiche Arbor in vigore in quel determinato momento e spinge Arbor a cessare tali annunci oppure (b) un episodio in cui più di venticinque (25) kilobit al secondo (“Kbps”) del traffico scorre attraverso l’indirizzo VIP assegnato per il reindirizzamento DNS dell’Utente finale sulla Piattaforma Arbor Cloud.

1.15 Per “Episodio non riguardante l’attenuazione” si intende un Episodio di Migrazione in cui l’Utente finale ha diretto il traffico basato su Internet per un endpoint verso la Piattaforma Arbor Cloud e non è stata rilevata alcuna circolazione di attacchi per un periodo di settantadue (72) ore consecutive.

1.16 Per “Processo di fornitura” si intende il processo di Arbor in vigore al momento considerato per la fornitura di un Endpoint, una modifica alla configurazione o per il reindirizzamento del traffico dell’Utente finale verso o fuori dalla Piattaforma Arbor Cloud.

1.17 Per “VIP” o “VIP di reindirizzamento DNS” (solo per clienti DNS) si intende l’indirizzo IP assegnato da Arbor sulla Piattaforma Arbor Cloud limitato a un (1) solo indirizzo IP dell’Utente finale per inviare Traffico pulito e ricevere traffico Internet in uscita.

  1. FORNITURA DI SERVIZI ARBOR CLOUD

2.1 L'Utente finale riconosce che per la messa in esercizio sulla Piattaforma Arbor Cloud può essere necessaria una configurazione che richiede diversi giorni e che, in tal caso, qualsiasi attivazione urgente dei Servizi Arbor Cloud potrà richiedere la messa in esercizio sulla piattaforma basata su DNS piuttosto che sulla piattaforma basata su BGP, a seconda di cosa Arbor, a sua ragionevole discrezione, riterrà opportuno.

2.2 Arbor calcolerà la quantità totale di Traffico pulito utilizzato dall'Utente finale in Mbps, al novantacinquesimo (95°) percentile durante ogni Episodio di attenuazione, per confermare che rientra nei limiti a livello di quantità totale di Traffico pulito previsto per contratto. Il Traffico pulito sarà determinato misurando periodicamente l'utilizzo della larghezza di banda del Traffico pulito dell'Utente finale che circola attraverso la Piattaforma Arbor Cloud. Al termine di un periodo di misurazione (Episodio di attenuazione), le misurazioni sull'utilizzo sono ordinate da quella maggiore a quella minore e il primo cinque percento (5%) delle misure di traffico viene scartato. La misurazione successiva più alta per il traffico in entrata o in uscita è considerata il novantacinquesimo (95°) percentile di Traffico pulito.

2.3 In caso di un Episodio di attenuazione, qualsiasi traffico diretto verso la Piattaforma Arbor cloud che non è destinato a un dominio, un protocollo o una porta predisposti verrà bloccato. Il traffico di Attacco può essere attenuato per quanto possibile “a monte”, ad esempio a livello degli elenchi di controllo degli accessi (“Access Control Lists”, ACL) del provider di rete Internet. In tal caso, all'Utente finale non sarà addebitata alcuna Tariffa di eccedenza del Traffico pulito (definita al punto 5.1.3) relativa al volume del traffico di attacco. Le Tariffe di eccedenza del Traffico pulito sono addebitate soltanto quando la quantità reale di Traffico pulito misurata durante l'Episodio di attenuazione supera la quantità di Traffico pulito stipulata con contratto dall’Utente finale.

2.4 (Solo per i clienti DNS) è possibile predisporre il Servizio Arbor Cloud affinché protegga fino a dieci (10) porte per dominio per protocolli standard a livello di applicazione basati su TCP, che possono includere: il web (ad esempio HTTP, HTTPS), API (ad esempio, SOAP, XML, REST), e-mail (ad esempio POP/POP3, SMTP, IMAP/IMAP4), database (ad esempio MySQL, MS SQL, Oracle) e altro (ad esempio Telnet, SSH, FTP).

2.5 Il Servizio Arbor Cloud comprende la protezione di livello 4 per la limitazione della velocità per il traffico HTTPS previsto sulla Piattaforma Arbor Cloud. Il Servizio Arbor Cloud non apre pacchetti HTTPS per operazioni di “ispezione”, “pulizia” o “controllo” a meno che l’Utente finale non abbia scelto di utilizzare un servizio di ispezione dei pacchetti, se offerto, a livello 7 di applicazione a seconda del dominio e del certificato SSL. Per questo servizio di ispezione dei pacchetti è necessario che l'Utente finale fornisca ad Arbor certificati SSL validi da caricare sulla Piattaforma Arbor Cloud per il traffico che deve essere oggetto di analisi dei pacchetti HTTPS.

2.6 I servizi di assistenza per il Servizio Arbor Cloud sono forniti solo in inglese.

  1. OBBLIGHI DELL’UTENTE FINALE

3.1L'Utente finale riconosce che i Servizi Arbor Cloud possono essere utilizzati solo per gli scopi aziendali interni dell'Utente finale (e non possono essere utilizzati per fornire servizi a terzi se non esplicitamente consentito da Arbor per iscritto) o che comunque non per fare concorrenza ad Arbor.

3.2 L'Utente finale conviene sul fatto che al fine di assicurare una performance efficiente e tempestiva dei Servizi Arbor Cloud, è richiesta la buona fede, la collaborazione e la partecipazione dell'Utente finale. Pertanto, l'Utente finale si impegna a collaborare pienamente con Arbor, ad esempio per: (i) fornire informazioni pertinenti ragionevolmente richieste da Arbor sugli Endpoint prima dell'attivazione dei Servizi Arbor Cloud, ai sensi del Processo di fornitura per ciascun Endpoint e, durante la fornitura dei Servizi Arbor Cloud, è tenuto a comunicare ad Arbor qualsiasi modifica apportata a tali informazioni; (ii) fornire tutte le altre informazioni ragionevolmente richieste da Arbor che quest'ultima ritiene ragionevolmente necessarie per fornire i Servizi Arbor Cloud; (iii) intraprendere altre azioni che Arbor ritiene ragionevolmente necessarie al fine di eseguire i Servizi Arbor Cloud. Inoltre, l'Utente finale accetta di apportare le modifiche necessarie alla configurazione della sua infrastruttura per permettere il funzionamento dei Servizi Arbor Cloud. L'Utente finale riconosce che i Servizi Arbor Cloud possono subire ritardi o non essere completati se l'Utente finale non collabora con Arbor o se i servizi di Arbor vengono ritardati o impediti dall'Utente finale. Arbor non sarà inoltre ritenuta responsabile per alcun ritardo dovuto all'incapacità dell'Utente finale di intraprendere le azioni sopraindicate.

3.3 Per i servizi basati su BGP, l'Utente finale deve fornire dispositivi che supportano BGP e GRE (Generic Routing Encapsulation) e deve configurarli correttamente.

3.4 L'Utente finale è consapevole del fatto che per consentire ad Arbor di fornire i Servizi Arbor Cloud, il traffico Internet dell’Utente finale relativo all’Endpoint deve essere innanzitutto reindirizzato alla Piattaforma Arbor Cloud.

3.5 L'Utente finale riconosce che il funzionamento e le prestazioni dei Servizi Arbor Cloud implicano ripetute operazioni di filtraggio del traffico verso l'Endpoint e consente espressamente l'utilizzo di tali filtri. Con il presente documento, l'Utente finale concede ad Arbor, per la Durata, una licenza non esclusiva, non trasferibile e priva di royalty per accedere a qualsiasi parte del traffico internet diretto all’Endpoint e a qualsiasi traffico delle applicazione ivi contenuto, per gli scopi descritti nei presenti Termini supplementari.

3.6 L'Utente finale sarà l'unico responsabile per la gestione di tutto il traffico internet per un Endpoint secondo le procedure di Arbor in vigore nel momento considerato in conformità al Processo di fornitura (che può comprendere, a titolo di esempio, il mettersi in contatto con il team di supporto di Arbor e la richiesta ad Arbor di annunciare o cessare l’annuncio dei prefissi /24 richiesti o di modificare i DNS come VIP di reindirizzamento DNS).

3.7 L'Utente finale deve disporre di un punto di contatto tecnico disponibile per tutta la durata degli Episodi di attenuazione in grado di parlare inglese, al fine di interagire con il team di supporto Arbor.

3.8 Prima di richiedere ad Arbor di avviare un Episodio di attenuazione, l'Utente finale deve:

3.8.1 Se abbonato a un servizio basato su DNS, impostare il TTL (Time to Live) del DNS a 300 s per tutte le infrastrutture protette

3.8.2 impostare come attendibili gli indirizzi IP di Arbor

3.9 L'Utente finale è tenuto a fornire ad Arbor istruzioni scritte sui protocolli di comunicazione e autorizzazione dell'Utente finale riguardanti le procedure di emergenza o di risposta per attacchi DDoS. Queste informazioni saranno fornite ad Arbor durante il Processo di fornitura.

3.10 A meno che l’Utente finale non acquisti i Servizi Arbor Cloud come servizi di tipo “sempre attivi”, l’Utente finale riconosce che il Servizio Arbor Cloud è un servizio a richiesta da utilizzare durante gli Episodi di attacco e non è destinato a essere utilizzato come servizio sempre attivo nei periodi in cui non si verificano Attacchi o nel caso in cui Arbor non abbia esplicitamente accettato di continuare un altro periodo di attenuazione. Qualsiasi utilizzo simile in periodi nei quali non si verificano Attacchi può essere soggetto a costi aggiuntivi, in conformità al punto 5.1.

3.11 L’Utente finale deve attenersi alla Politica di utilizzo accettabile (“PUA”) per i Servizi Arbor Cloud, i cui termini di volta in volta in vigore sono riportati nel presente punto 3.11. L’Utente finale non utilizzerà e non consentirà l’uso del Servizio Arbor Cloud in violazione della PUA e non sarà consentito alcun tipo dei seguenti abusi (“Abusi”): (a) l’uso del Servizio Arbor Cloud in modo illecito o per scopi illeciti; (b) l’uso del Servizio Arbor Cloud in un modo che, a ragionevole discrezione di Arbor, produce o rischia, direttamente o indirettamente, di produrre un effetto negativo sulla rete di Servizi Arbor Cloud, in modo diverso da quello per cui la rete di Servizi Arbor Cloud è stata progettata o che interferisce con l’uso della rete di Servizi Arbor Cloud da parte di altri clienti o utenti finali autorizzati, inclusi, a titolo esemplificativo, il sovraccarico di server o il blocco di parti della rete di Servizi Arbor Cloud, oppure (c) l’uso eccessivo o prolungato del Servizio Arbor Cloud mentre non sta attenuando in modo attivo un attacco o un episodio DDoS.

3.12 Ove opportuno, Arbor può sospendere un Endpoint o i Servizi Arbor Cloud qualora Arbor ritenga in modo ragionevole che si sia verificato un Abuso. Tale sospensione sarà mantenuta fino a quando l'Utente finale non avrà corretto l'Abuso in questione. Nel caso in cui Arbor dovesse ragionevolmente ritenere che un Abuso abbia un impatto critico, o minacci di incidere in modo critico, sulla rete o sui server di Servizi Arbor Cloud, Arbor può sospendere un Endpoint o il Servizio Arbor Cloud, ove opportuno, immediatamente e senza preavviso. Nel caso in cui un Abuso non abbia un impatto critico sulla rete di servizi di Arbor Cloud o sia potenzialmente in grado di avere un impatto non critico, Arbor comunicherà preventivamente l'eventuale sospensione. Nel caso in cui l'Utente finale non provveda a correggere eventuali Abusi entro trenta (30) giorni dalla ricezione della notifica, Arbor sarà autorizzata a concludere la fornitura dei Servizi Arbor Cloud in modo effettivo immediatamente dopo la consegna della notifica di conclusione da parte di Arbor.

3.13 Arbor può interrompere il Servizio Arbor Cloud in qualsiasi momento con preavviso scritto di settantacinque (75) giorni, purché tale diritto non sia utilizzato da Arbor come termine di convenienza ma deve essere utilizzato solo qualora tale cessazione si applichi a tutti o a quasi tutti i clienti dei Servizi Arbor Cloud.

3.14 Solo l'Utente finale è autorizzato a fornire contenuti ad Arbor per la fornitura dei Servizi Arbor Cloud e l'Utente finale è responsabile di tali contenuti (se tali contenuti appartengono effettivamente all'Utente finale o ai clienti dell'Utente finale). Si riterrà che l'Utente finale abbia adottato qualsiasi misura con cui autorizza, appoggia o facilita qualsiasi soggetto o entità per quanto concerne l'Accordo e i presenti Termini supplementari, i Contenuti o l’utilizzo dei Servizi Arbor Cloud.

  1. DURATA E CESSAZIONE

Il Servizio Arbor Cloud comincerà con l’accettazione da parte di Arbor di un ordine di acquisto emesso dall’Utente finale (o, se applicabile, da un rivenditore autorizzato Arbor per conto dell’Utente finale) e avrà efficacia per la durata indicata nel Modulo (“Periodo iniziale”). Allo scadere del Periodo iniziale, il servizio Arbor Cloud sarà rinnovato automaticamente per i successivi dodici (12) mesi (“Periodo di rinnovo”), a meno che una delle parti non dia comunicazione scritta del suo intento di non rinnovare il Servizio Arbor Cloud almeno trenta (30) giorni prima della scadenza del Periodo iniziale o del Periodo di rinnovo corrente (il Periodo iniziale e gli eventuali Periodi di rinnovo sono definiti, nell’insieme, “Durata”). La mancata intenzione di rinnovare dovrà essere comunicata dall'Utente finale via e-mail all’indirizzo [email protected].

  1. PAGAMENTI E TARIFFE

5.1 L’Utente finale corrisponderà ad Arbor i compensi previsti in base alle tariffe del servizio stabilite nel Modulo (“Tariffa del pacchetto dei servizi”). La Tariffa del pacchetto dei servizi deve essere fatturata (direttamente all'Utente finale o tramite il rivenditore autorizzato Arbor di riferimento) annualmente, salvo diversa indicazione nel Modulo a partire dall'accettazione da parte di Arbor di un ordine di acquisto dall'Utente finale (o, se del caso, da un rivenditore autorizzato Arbor per conto dell'Utente finale). La Tariffa del pacchetto dei servizi include i domini, le Posizioni e i prefissi /24 indicati nel Modulo. Ulteriori domini, Posizioni e prefissi /24 possono essere aggiunti al pacchetto per un costo aggiuntivo a seguito di un preventivo accettato dall'Utente finale al momento della richiesta di tali servizi aggiuntivi. I costi aggiuntivi che possono essere addebitati all'Utente finale in base all'utilizzo da parte dell'Utente finale dei servizi Arbor Cloud (il prezzo dei quali può essere ottenuto direttamente da Arbor, se i Servizi Arbor Cloud sono acquistati direttamente da Arbor, o tramite il rivenditore autorizzato Arbor di riferimento) includono quanto segue:

5.1.1 Tariffe per Episodi di attenuazione. La Tariffa per Episodi di attenuazione è la tariffa che si applica a un Episodio di attenuazione fatto salvo per gli Episodi di attenuazione inclusi nella Tariffa del pacchetto dei servizi. La Tariffa per Episodi di attenuazione coprirà al massimo un periodo di settantadue (72) ore consecutive o qualsiasi parte di tale periodo di tempo. Gli Episodi di attenuazione maggiori di settantadue (72) ore consecutive sono soggetti a Tariffe per Episodi di attenuazione per ogni periodo di settantadue (72) ore consecutive o relative frazioni.

5.1.2 Tariffe per Episodi non riguardanti l'attenuazione. Le Tariffe per Episodi non riguardanti l'attenuazione sono applicabili solo quando si acquistano Servizi Arbor Cloud che includono attenuazioni illimitate. La Tariffa per Episodi non riguardanti l'attenuazione è la tariffa applicabile all'uso del Servizio Arbor Cloud durante un Episodio non riguardante l'attenuazione e si applica ogni settantadue (72) ore o a parti di tale arco temporale durante il quale l’Utente finale indirizza il traffico Internet a un Endpoint sulla Piattaforma Arbor Cloud. L’uso del Servizio Arbor Cloud quando un Attacco non si verifica per un periodo di 72 ore consecutive è considerato un Episodio non riguardante l'attenuazione e verrà addebitata la Tariffa corrispondente.

5.1.3 Tariffe per eccedenza di Traffico pulito. La Tariffa per eccedenza di Traffico pulito è il costo, calcolato in megabit al secondo (“Mbps”), che si applicherà nel caso in cui la quantità di Traffico pulito verso la Piattaforma Arbor Cloud durante un Episodio di attenuazione superi la quantità di traffico stabilita per contratto dall’Utente finale. All'Utente finale verrà addebitata la Tariffa per eccedenza di Traffico pulito se, durante un Episodio di attenuazione o un Episodio non riguardante l'attenuazione, Arbor stabilisce che il traffico di picco del 95° percentile che fluisce attraverso la Piattaforma Arbor Cloud supera la quantità di Traffico pulito concordata tramite contratto. All'Utente finale verrà addebitata una Tariffa per eccedenza basata sui Mbps del picco di Traffico pulito aggiuntivo.

5.2 I seguenti costi aggiuntivi possono essere addebitati da Arbor (direttamente all'Utente finale o tramite il rivenditore autorizzato Arbor) per i servizi aggiuntivi che possono essere richiesti dall'Utente finale: tariffe di configurazione standard, tariffe per la configurazione di emergenza, tariffe di aggiornamento standard e tariffe di aggiornamento di emergenza oppure nel caso in cui l'Utente finale superi le attenuazioni o le capacità assegnate. Relativamente a tali servizi aggiuntivi, qualora l'Utente finale li richieda, Arbor (i) fornirà un preventivo per i servizi aggiuntivi e le tariffe aggiuntive applicabili e (ii) non sarà obbligata ad avviare i Servizi aggiuntivi prima dell’accettazione da parte di Arbor stessa di un ordine di acquisto relativo a questi servizi aggiuntivi. Tuttavia, in situazioni di emergenza, Arbor e l'Utente finale possono concordare di procedere immediatamente sulla base di un accordo reciproco seguito da un ordine di acquisto, che sarà emesso dall'Utente finale entro trenta (30) giorni dalla ricezione del preventivo applicabile. Di seguito vengono descritti alcuni di tali costi:

5.2.1 Tariffe di aggiornamento standard. La Tariffa di aggiornamento standard viene applicata quando l'Utente finale ha richiesto più di due (2) modifiche al mese.

5.2.2 Tariffe per configurazioni di emergenza. La Tariffa per configurazioni di emergenza viene addebitata se, a seguito di una richiesta dell'Utente finale, la fornitura del servizio Arbor Cloud viene eseguita secondo quanto indicato nel punto 2.2(D) dello SLA (accordo sul livello dei servizi, come di seguito definito). La Tariffa per configurazioni di emergenza si applica insieme alle Tariffe del pacchetto di servizi, alle Tariffe per Episodi di attenuazione e, se del caso, alle eventuali Tariffe di eccedenza di Traffico pulito.

5.2.3 Tariffe per aggiornamenti di emergenza. La Tariffa per aggiornamenti di emergenza viene addebitata se l'Utente finale ha effettuato modifiche e aggiunte, cancellazioni e aggiornamenti relativi a nomi di dominio, indirizzi IP, posizioni, porte e protocolli, eseguite secondo quanto indicato nel punto 2.2(E) dello SLA.

  1. GARANZIE

6.1 Arbor dichiara che i Servizi Arbor Cloud funzioneranno come descritto nell’accordo sul livello dei servizi allegato e incorporato al presente documento come Appendice A (“SLA”). AD ECCEZIONE DI QUANTO ESPRESSAMENTE ESPOSTO NEL PRESENTE PUNTO 6.1 PER QUANTO RIGUARDA I SERVIZI ARBOR CLOUD, ARBOR NON RILASCIA ALTRE GARANZIE, ESPRESSE O IMPLICITE, QUALI AD ESEMPIO LE GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ E IDONEITÀ PER SCOPI PARTICOLARI, RELATIVAMENTE AI SERVIZI ARBOR CLOUD. L'UNICO ED ESCLUSIVO RIMEDIO DELL'UTENTE FINALE E L'UNICO ED ESCLUSIVO OBBLIGO DI ARBOR IN MERITO AI SERVIZI ARBOR CLOUD PER EVENTUALI VIOLAZIONI DI QUANTO INDICATO NELLA PRECEDENTE GARANZIA DEL PRESENTE PUNTO 6.1, SARANNO I RIMEDI INDICATI NELLO SLA. Le violazioni di quanto indicato nel presente punto 6.1 o nello SLA non costituiranno una violazione dell’Accordo con l’Utente finale.

6.2 L’Utente finale dichiara e garantisce: (a) di avere tutti i diritti, titoli e interessi o di essere il licenziatario con diritto di utilizzo e/o accesso per tutti gli Endpoint, le applicazioni e/o i contenuti forniti per eseguire i Servizi Arbor Cloud e tutti i contenuti accessibili su indicazione dell’Utente finale per erogare i Servizi Arbor Cloud (congiuntamente i “Contenuti”), (b) se l’Utente finale utilizza un servizio di analisi dei pacchetti, che la sua fornitura del certificato SSL per il servizio di analisi dei pacchetti HTTPS e l’uso di Arbor per la fornitura del Servizio Arbor Cloud non violano alcuna legge, politica di sicurezza, regolamento o diritto di proprietà o privacy di terzi, (c) che l’Utente finale non utilizzerà i servizi Arbor Cloud per scopi illeciti e (d) che l’Utente finale si conformerà ai Termini supplementari. L'Utente finale dichiara inoltre che né il Bureau of Industry and Security degli Stati Uniti, né qualsiasi altra agenzia governativa ha emesso sanzioni contro l'Utente finale stesso o ha sospeso, revocato o negato all'Utente finale privilegi di esportazione.

  1. INDENNITÀ

L'Utente finale sosterrà a proprie spese qualsiasi azione avviata contro Arbor, i suoi amministratori, dirigenti o dipendenti da parte di terzi nella misura in cui l'azione si basi su un reclamo, un’azione legale o un procedimento derivante da o relativo a (i) violazioni di qualsiasi dichiarazione o garanzia indicata nel punto 6.2 soprariportato, (ii) qualsiasi reclamo da parte di terzi con cui si asserisce che la fornitura di Arbor del Servizio Arbor Cloud agli Endpoint designati dall'Utente finale in merito all'esecuzione dei Servizi Arbor Cloud per l'Utente finale non è autorizzata o (iii) Contenuti forniti dall'Utente finale ivi compresi, ad esempio, qualsiasi rivendicazione che comporti una presunta violazione o appropriazione indebita di brevetti, diritti d'autore, marchi, segreti commerciali o altri diritti di proprietà intellettuale di terze parti da tali contenuti. Il presente punto 7 sopravviverà alla cessazione dei Servizi Arbor Cloud e dell'Accordo.

  1. REGOLAMENTAZIONE DELL’ESPORTAZIONE

Oltre alle disposizioni relative ai controlli dell’esportazione contenute nell’Accordo, l’Utente finale non utilizzerà Arbor Cloud per esportare o riesportare alcun dato tecnico o software verso paesi nell’elenco dei paesi sottoposti a embargo da parte degli Stati Uniti o verso alcuna persona o soggetto elencati nelle liste di esclusione del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti o negli elenchi Specially Designated Nationals, Specially Designated Narcotics Traffickers o Specially Designated Terrorists del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti (nel loro insieme i “Soggetti delle liste di esclusione”). L’accesso al Servizio Arbor Cloud è severamente vietato (a) dai paesi contenuti nell’elenco dei paesi sottoposti a embargo da parte degli Stati Uniti o (b) ai Soggetti delle liste di esclusione. L'Utente finale è l'unico responsabile della conformità relativa al modo in cui l'Utente finale stesso sceglie di utilizzare Arbor Cloud, compresi il trasferimento e l’elaborazione da parte dell'Utente finale dei Contenuti e l’area geografica in cui si verificano. L'Utente finale è l'unico con la responsabilità di garantire che tutti gli utenti dell'account dell'Utente finale non siano Soggetti delle liste di esclusione.

  1. MODIFICHE AI TERMINI SUPPLEMENTARI

Arbor può apportare modifiche ai Termini supplementari (ivi compresi la PUA e/o lo SLA) in qualsiasi momento, inviando una versione revisionata a https://www.netscout.com/arbor-cloud-supplemental-terms-and-conditions e a qualsiasi sito subentrante designato da Arbor (“Sito Arbor Cloud”). Spetta all’Utente finale controllare regolarmente il Sito Arbor Cloud per verificare la presenza di eventuale modifiche ai Termini supplementari, alla PUA e/o allo SLA. Fatte salve le modifiche apportate alla Politica di utilizzo accettabile (“PUA”), tali modifiche si applicano solo agli ordini effettuati per il Servizio Arbor Cloud applicabile dopo che le modifiche di cui sopra hanno avuto effetto. Tutte le modifiche apportate alla PUA entreranno immediatamente in vigore.

APPENDICE A PER I TERMINI SUPPLEMENTARI

ACCORDO SUL LIVELLO DEI SERVIZI

PER IL SERVIZIO ARBOR CLOUD

Il presente Accordo sul livello dei servizi (SLA) per il servizio Arbor Cloud è allegato ed è parte dei Termini supplementari di Arbor Cloud (“Termini supplementari”) ed è soggetto ai termini dell’Accordo di licenza tra Arbor Networks, Inc. e l’Utente finale (“Accordo”). In caso di divergenza tra i termini dell'Accordo o i Termini supplementari e i termini del presente SLA relativi al servizio Arbor Cloud, prevarrà il presente SLA. I termini con iniziale maiuscola non altrimenti definiti nel presente SLA avranno il significato attribuito loro nei Termini supplementari.

  1. DEFINIZIONI

1.1 “Piattaforma Arbor Cloud” indica l’hardware e il software integrati combinati per formare la rete messa in esercizio e controllata da Arbor in relazione alla fornitura dei Servizi, ad eccezione di: (a) qualsiasi hardware, software o rete locale di terzi o installato/a in locale, non posseduti, distribuiti e controllati da Arbor oppure (b) servizi o infrastrutture di telecomunicazioni che forniscono una connessione tra i server Arbor utilizzati per fornire i servizi.

1.2 “Servizi basati sul reindirizzamento BGP” indica il reindirizzamento del traffico dell’Utente finale alla Piattaforma Arbor Cloud con un instradamento BGP (Border Gateway Protocol) nella tabella di routing Internet. 

1.3 “Servizi basati sul reindirizzamento DNS” indica il reindirizzamento del traffico dell’Utente finale alla Piattaforma Arbor Cloud modificando il registro DNS (Domain Name System) per l’hostname dell’Utente finale.

1.4 “Configurazione di emergenza” indica la fornitura iniziale delle informazioni sull’hostname DNS dell’Utente finale nella Piattaforma Arbor Cloud entro gli intervalli di tempo di urgenza definiti nel punto 2.2D del presente SLA.

1.5 “Aggiornamenti di emergenza” indica le modifiche delle informazioni sull’hostname DNS dell’Utente finale nella Piattaforma Arbor Cloud entro gli intervalli di tempo di urgenza definiti nel punto 2.2E del presente SLA.

1.6 “Interruzione del servizio” indica un episodio in cui Arbor non è riuscita a soddisfare gli SLA di cui al punto 2.2 riportata di seguito e non si applica alcuna eccezione al punto 2.3.

1.7 “Servizi” indica i Servizi Arbor Cloud.

1.8 “Manutenzione programmata” indica intervalli di tempo predefiniti in cui è possibile che i Servizi non siano disponibili o la cui capacità viene limitata per modifiche programmate del sistema.

1.9 “Configurazione standard” indica la fornitura iniziale della rete dell’Utente finale e/o delle informazioni sull’hostname nella Piattaforma Arbor Cloud entro i normali intervalli di tempo definiti nel punto 2.2B del presente SLA.

1.10 “Aggiornamenti standard” indica le modifiche apportate alla rete dell’Utente finale e/o alle informazioni sull’hostname nella Piattaforma Arbor Cloud entro i normali intervalli di tempo definiti nel punto 2.2C del presente SLA.

  1. LIVELLI DI SERVIZIO

2.1 Nel corso della Durata, Arbor fornirà i Servizi senza Interruzioni del servizio.

2.2 Un'Interruzione del servizio, ai sensi dei punti 2.3 e 4.2 riportati di seguito, avviene nel caso in cui non vengano soddisfatti i seguenti livelli di servizio:

  1. Piattaforma Arbor Cloud: 99.999% di disponibilità. La Piattaforma Arbor Cloud non è disponibile per più di cinque (5) secondi consecutivi in qualsiasi mese di calendario.
  2. Configurazione standard: 72 ore. La Configurazione standard deve essere effettuata entro settantadue (72) ore dai seguenti episodi: (i) per i Servizi basati sul reindirizzamento DNS, completamento della richiesta di fornitura e accettazione della richiesta di configurazione da parte di Arbor oppure (ii) per i Servizi basati sul reindirizzamento BGP, completamento della richiesta di fornitura e accettazione della richiesta della configurazione da parte di Arbor.
  3. Aggiornamenti standard: 72 ore. Gli Aggiornamenti standard devono essere effettuati entro settantadue (72) ore dai seguenti episodi: (i) per i Servizi basati sul reindirizzamento DNS, completamento della richiesta di fornitura e accettazione della richiesta di configurazione da parte di Arbor oppure (ii) per i Servizi basati sul reindirizzamento BGP, completamento della richiesta di fornitura e accettazione della richiesta della configurazione da parte di Arbor.
  4. Configurazione di emergenza: 4 ore. (Si applica solo ai Servizi basati sul reindirizzamento DNS). La Configurazione di emergenza deve essere effettuata entro quattro (4) ore dall’accettazione della richiesta di configurazione da parte di Arbor.
  5. Aggiornamenti di emergenza: 4 ore. Gli Aggiornamenti di emergenza devono essere effettuati entro quattro (4) ore dall’accettazione della richiesta di configurazione da parte di Arbor.
  6. Tempo di attenuazione: 5 minuti/15 minuti. Arbor deve iniziare la mitigazione entro: (i) cinque (5) minuti per gli attacchi di livello 3 e 4 dal momento in cui il traffico viene reindirizzato alla Piattaforma Arbor Cloud e Arbor rileva traffico dannoso e (ii) quindici (15) minuti per gli attacchi di livello 7 dal momento in cui il traffico viene reindirizzato alla Piattaforma Arbor Cloud e Arbor rileva traffico dannoso. Per ogni cambiamento del vettore dell’attacco deve essere avviato un nuovo Tempo di attenuazione. Per attenuazione si intende la pulizia del traffico in modo tale che non più del cinque per cento (5%) del traffico pericoloso/dannoso venga trasmesso agli endpoint dell'Utente finale.
  7. Avvio di Episodi di attenuazione: 15 minuti. Sarà avviata una conference call sull'Episodio di attenuazione con il personale di Arbor disponibile entro 15 minuti dall'avvio di una richiesta di attenuazione da parte dell'Utente finale tramite una telefonata al supporto clienti di Arbor.
  8. Annuncio dell'instradamento BGP: 5 minuti. Per i servizi basati sul reindirizzamento BGP, Arbor deve annunciare all'Utente finale l’instradamento BGP a Internet entro 5 minuti dal momento in cui tutte le parti accettano di avviare una procedura di attenuazione e l'Utente finale completa tutte le modifiche di instradamento necessarie per gli strumenti in uso presso l'Utente finale.

2.3 L'eventualità di un'Interruzione di servizio non viene presa in considerazione quando l'episodio è dovuto a una delle seguenti situazioni: (a) informazioni o informazioni sulla configurazione o informazioni sulla configurazione fornite all’Utente finale inesatte e/o insufficienti, (b) uso improprio dei servizi da parte dell'Utente finale, (c) ritardi nel reindirizzamento del traffico (ad es. ritardi di propagazione DNS TTLS e dell'instradamento BGP) (indipendenti da Arbor), (d) mancata esecuzione oppure altri atti colposi o illeciti o inadempimenti da parte dell'Utente finale o dei suoi agenti o fornitori, (e) indisponibilità di rete al di fuori degli endpoint dell'Utente finale, mancata implementazione di ACL o altre procedure consigliate documentate, (f) mancanza di partecipazione dell’Utente finale agli sforzi di attenuazione DDoS, tra cui l'impossibilità di Arbor di raggiungere l'Utente finale per telefono o la mancanza presso l’Utente finale di rappresentanti in grado di comunicare in lingua inglese disponibili per coordinare e comunicare con Arbor durante un attacco DDoS), (g) mancata accettazione da parte di Arbor di una richiesta di fornitura dell'Utente finale, (h) atti o eventi di forza maggiore (in base a quanto definito nel punto 10 dell'Accordo), (i) manutenzione programmata o di emergenza, (j) sospensione o cessazione dei servizi da parte di Arbor conformemente ai termini dell'Accordo o (k) il caso in cui l'Utente finale non abbia diretto tutto il proprio traffico per l'Endpoint alla Piattaforma Arbor Cloud.

  1. MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Arbor può effettuare la manutenzione sui suoi sistemi in qualsiasi momento, ma sarà limitata ad un massimo di sei (6) ore di manutenzione programmata in qualsiasi settimana di calendario. La Manutenzione programmata può comportare l'incapacità dell'Utente finale di accedere (a) a interfacce utente basate sul web e interfacce utente mobili oppure (b) a interfacce delle applicazioni di programmazione (API) o altri software accessibili all'Utente finale. Arbor manterrà aperta una finestra temporale per operazioni di manutenzione standard nel giorno di domenica a partire dalle 04:00 Greenwich Mean Time (GMT), ma può avviare un periodo di manutenzione supplementare in un giorno feriale in un periodo di tempo che viene comunicato all'Utente finale con almeno quarantotto (48) ore di anticipo. Inoltre, Arbor può interrompere i servizi nel contesto di manutenzioni di emergenza per non più di quattro (4) ore una volta al mese con quattro (4) ore di preavviso. Un avviso di Manutenzione programmata verrà fornito al punto di contatto indicato dall'Utente finale tramite posta elettronica o tramite una notifica nell'interfaccia web dell'utente di Arbor Cloud. La Piattaforma Arbor Cloud continuerà a essere disponibile per l'attenuazione durante la Manutenzione programmata.

  1. RIMEDI PER LE INTERRUZIONI DI SERVIZIO

Arbor deve determinare in buona fede se si è verificata un'Interruzione di servizio sulla base dei registri e dei dati di Arbor. Per le finalità di cui al presente punto, per “Credito” si intende un credito emesso per un’Interruzione del servizio e corrisponderà al valore proporzionale della tariffa per un (1) giorno calcolata dividendo le Tariffe del pacchetto di servizi per il numero di giorni del mese in cui si è verificata l’Interruzione del servizio. In caso di Interruzione del servizio, si applicheranno i seguenti Crediti (come illustrato nella tabella 1 qui allegata – Tabella di calcolo dei crediti per SLA): 

  1. Credito - SLA: Piattaforma Arbor Cloud: 99.999% di disponibilità. Per un’Interruzione del servizio rispetto allo SLA prevista nel punto 2.2.A: se l'Interruzione del servizio è superiore a cinque (5) secondi ma pari o inferiore a cinque (5) minuti, si applica un (1) Credito; se l'Interruzione del servizio è superiore a cinque (5) minuti, ma pari o inferiore a un'(1) ora, si applicano cinque (5) Crediti; se l'Interruzione del servizio dura più di un'(1) ora, si applicano dieci (10) Crediti. Per presentare un reclamo ai sensi del punto 2.2.A, l'Utente finale deve inviare al supporto clienti Arbor la prova che la piattaforma non era disponibile per l'attenuazione. 
  2. Credito –SLA: configurazione standard e Aggiornamenti standard: 72 ore.  Per qualsiasi Interruzione del servizio rispetto agli SLA di cui ai punti 2.2.B e 2.2.C: se la durata dell’Interruzione del servizio è superiore a un (1) giorno ma pari o inferiore a sette (7) giorni, si applica un (1) Credito per ogni giorno di Interruzione del servizio; se la durata dell'Interruzione del servizio è superiore a sette (7) giorni, si applicano dieci (10) Crediti.
  3. Credito –SLA: configurazione di emergenza e aggiornamenti di emergenza: 4 ore. Per qualsiasi Interruzione del servizio rispetto agli SLA di cui ai punti 2.2.D e 2.2.E: se la durata dell'Interruzione del servizio è superiore a un'(1) ora, si applica un (1) Credito per ogni ora di Interruzione del servizio, fino a un massimo di dieci (10) Crediti.
  4. Credito – SLA: Tempo per l'attenuazione: 5 minuti/15 minuti.  Per qualsiasi Interruzione del servizio rispetto agli SLA di cui ai punti 2.2.F:

(1) se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 3/4 è superiore a cinque (5) minuti, ma pari o inferiore a quindici (15) minuti, si applica un (1) Credito; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 3/4 è superiore a quindici (15) minuti, ma pari o inferiore a sessanta (60) minuti, si applicano due (2) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 3/4 è superiore a sessanta (60) minuti, ma pari o inferiore a quattro (4) ore, si applicano cinque (5) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 3/4 è superiore a quattro (4) ore, si applicano dieci (10) Crediti;

(2) se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 7 è superiore a quindici (15) minuti, ma pari o inferiore a trenta (30) minuti, si applica un (1) Credito; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 7 è superiore a trenta (30) minuti, ma pari o inferiore a sessanta (60) minuti, si applicano due (2) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 7 è superiore a sessanta (60) minuti, ma pari o inferiore a quattro (4) ore, si applicano cinque (5) crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per il livello 7 è superiore a quattro (4) ore, si applicano dieci (10) Crediti.

Per presentare un reclamo ai sensi del punto 2.2.F, l'Utente finale deve inviare i dati acquisiti riguardanti i pacchetti del traffico all'Endpoint interessato della durata di almeno un'ora; tuttavia, se l'Utente finale non è in grado di fornire dati sui pacchetti della durata richiesta, l'Utente finale dovrà fornire ad Arbor prove ragionevoli per consentire a quest'ultima di effettuare le dovute verifiche relative al reclamo. 

  1. Credito – SLA: avvio di Episodi di di attenuazione: 15 minuti. Per qualsiasi Interruzione del servizio rispetto allo SLA di cui al punto 2.2.G: se la durata dell'Interruzione del servizio per l’avvio di Episodi di attenuazione è superiore a quindici (15) minuti, ma pari o inferiore a trenta (30) minuti, si applica un (1) Credito; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’avvio di Episodi di attenuazione è superiore a trenta (30) minuti, ma pari o inferiore a sessanta (60) minuti, si applicano due (2) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’avvio di Episodi di attenuazione è superiore a sessanta (60) minuti, ma pari o inferiore a quattro (4) ore, si applicano cinque (5) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’avvio di Episodi di attenuazione è superiore a quattro (4) ore, si applicano dieci (10) Crediti.
  2. Credito – SLA: annuncio dell'instradamento BGP: 5 minuti. Per qualsiasi Interruzione del servizio rispetto allo SLA di cui al punto 2.2.H: se la durata dell'Interruzione del servizio per l’annuncio di instradamento BGP è superiore a cinque (5) minuti, ma pari o inferiore a quindici (15) minuti, si applica un (1) Credito; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’annuncio di instradamento BGP è superiore a quindici (15) minuti, ma pari o inferiore a sessanta (60) minuti, si applicano due (2) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’annuncio di instradamento BGP è superiore a sessanta (60) minuti, ma pari o inferiore a quattro (4) ore, si applicano cinque (5) Crediti; se la durata dell'Interruzione del servizio per l’annuncio di instradamento BGP è superiore a quattro (4) ore, si applicano dieci (10) Crediti.

4.2 Nel caso in cui l'Utente finale ritenga che si sia verificata una Interruzione del servizio, l'Utente finale fornirà a Arbor tutte le informazioni e la documentazione pertinenti a supporto del suo reclamo per Interruzione del servizio. Qualsiasi reclamo in merito ai Crediti deve essere effettuato dall'Utente finale entro sette (7) giorni dalla presunta Interruzione del servizio e inviato all'organizzazione che fornisce assistenza ai clienti di Arbor per iscritto. I reclami presentati dopo un periodo di sette (7) giorni dal momento in cui si è verificato l'episodio non saranno soggetti ad alcun rimedio qui descritto. Arbor indagherà sul reclamo e risponderà all'Utente finale entro dieci (10) giorni lavorativi dal ricevimento della notifica di reclamo da parte dell'Utente finale stesso, (i) confermando il reclamo per Interruzione del servizio dell'Utente finale o (ii) con tutte le informazioni e la documentazione pertinenti a sostegno della contestazione del reclamo per Interruzione del servizio dell'Utente finale, nel qual caso le parti devono risolvere qualsiasi disputa prontamente e in buona fede. Nonostante qualsiasi disposizione contraria qui enunciata, (i) l'Utente finale non può accumulare più di quindici (15) Crediti in qualsiasi mese di calendario e (ii) l'Utente finale non avrà diritto ad alcun Credito se l'Utente finale viola i Termini supplementari al momento del verificarsi dell'episodio all'origine del Credito e fino al momento in cui l'Utente finale rimedia alla violazione. Inoltre, l'Utente finale non avrà diritto ad alcun Credito se l'episodio all'origine del credito non sarebbe avvenuto se non l'Utente finale non avesse violato i Termini supplementari o se non avesse utilizzato in modo improprio la Piattaforma Arbor Cloud o i Servizi Arbor Cloud. I Crediti ottenuti dall'utente finale non avranno valore monetario, ma si applicheranno in base alle Tariffe del pacchetto di servizi nelle fatture future. Tuttavia, se i crediti maturano nell'ultimo mese della Durata e l'Utente finale non rinnova i Servizi e non è inadempiente ai sensi dei Termini supplementari o dell'Accordo, Arbor dovrà fornire tali Crediti all'Utente finale sotto forma di assegno entro trenta (30) giorni dalla fine della Durata. Arbor riporterà i Crediti sulle fatture emesse dopo un mese di calendario dal verificarsi dell’Interruzione del servizio. I Crediti si applicano solo ai Servizi forniti in base alla Tariffa per i Servizi stabilita nel Modulo e non si applicano ai servizi professionali Arbor o a qualsiasi altra forma di servizi di sviluppo personalizzati forniti da Arbor. I Crediti che sarebbero disponibili, fatte salve le limitazioni di cui al presente punto, non saranno riportati ai mesi futuri. Unico ed esclusivo rimedio dell'Utente finale e sola ed esclusiva responsabilità di Arbor, nel caso in cui Arbor non fornisca i servizi Arbor Cloud in modo conforme al Termini supplementari e al presente Accordo sul livello dei servizi, sarà la ricezione di un Credito in conformità ai Termini del presente punto 4.

TABELLA 1 PER L'ACCORDO SUL LIVELLO DEI SERVIZI

PER IL SERVIZIO ARBOR CLOUD

DIAGRAMMA DI CALCOLO PER CREDITI DELLO SLA

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1A

Interruzione del servizio per SLA di cui al punto 2.2A (Piattaforma Arbor Cloud)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

5 secondi

5 minuti

1 Credito

5 minuti

1 ora

5 Crediti

1 ora

--

10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1B

Interruzione del servizio per SLA di cui ai punti 2.2B (Configurazione standard) e 2.2C (Aggiornamenti standard)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

1 giorno

7 giorni

1 Credito per ogni giorno di Interruzione del servizio

7 giorni

--

10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1C

Interruzione del servizio per SLA di cui ai punti 2.2D (Configurazione di emergenza) e 2.2E (Aggiornamenti di emergenza)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

1 ora

--

1 Credito per ogni ora di Interruzione del servizio, fino a un massimo di 10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1D(1)

Interruzione del servizio per livello 3/4 SLA di cui al punto 2.2F (Tempo per l'attenuazione)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

5 minuti

15 minuti

1 Credito

15 minuti

60 minuti

2 Crediti

60 minuti

4 ore

5 Crediti

4 ore

--

10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1D(2)

Interruzione del servizio per livello 7 SLA di cui al punto 2.2F (Tempo per l'attenuazione)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

15 minuti

30 minuti

1 Credito

30 minuti

60 minuti

2 Crediti

60 minuti

4 ore

5 Crediti

4 ore

--

10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1E

Interruzione del servizio per SLA di cui al punto 2.2G (Episodio di attenuazione)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

15 minuti

30 minuti

1 Credito

30 minuti

60 minuti

2 Crediti

60 minuti

4 ore

5 Crediti

4 ore

--

10 Crediti

Accredito secondo quanto descritto nel punto 4.1F

Interruzione del servizio per SLA di cui al punto 2.2H (Annuncio instradamento BGP)

Interruzione del servizio superiore a

Interruzione del servizio pari o inferiore a

Numero di Crediti

5 minuti

15 minuti

1 Credito

15 minuti

60 minuti

2 Crediti

60 minuti

4 ore

5 Crediti

4 ore

--

10 Crediti